take a seat

INTERSTATE STUDIO 270

12.04.2012 ways of seating Paola Treppo

Nel cuore della Città del mobile friulana nasce uno spazio d’arte e tendenza pensato a 360 gradi

 

 

Da anni Tricesimo, cittadina friulana in provincia di Udine nota in tutta Europa per la sua eccezionale concentrazione di aziende attive in area mobile e arredo, cerca di far fronte comune e realizzare un marchio immediatamente riconoscibile per chi ama l’habitat domestico confortevole, sia in Italia che nel mondo. Si tratti di tradizione o di progetti futuristici. Le eccellenze, del resto, non mancano. Basta pensare alla Moroso o alla Walcher. Così come non manca la clientela d’elite della Penisola e d’oltre confine, capace di apprezzare lo stile Made in Italy condito da fresche innovazioni e vivacemente contaminato da spunti internazionali. È qui, nel cuore del Friuli Venezia Giulia, a metà tra la collina e l’hinterland udinese, lungo la storica arteria diretta al Norico, che è sorto uno spazio creativo nuovo. Ha poche settimane di vita ma è già diventato una location cult, un circolo di incontro che fa tendenza. Capace di intersecarsi, inserirsi e anche stravolgere le direzioni infinite della moda, dell’arte in generale e della musica in particolare. Il tutto in un accattivante ambiente salotto, sia per la sensazione di accoglienza che di benessere percepita a pelle varcando la soglia. Si chiama “Interstate Studio 270”. Nasce come sala di registrazione, concert hall, luogo di incontro per creare sinergia tra chi ama godere dell’espressione artistica, nel senso più ampio e concepibile. Innovativo per la parte tecnologica e new business sviluppata al suo interno, mette in interazione diversi professionisti provenienti da vari settori: dalla musica all’arte figurativa, dalla fotografia al cinema, dalla letteratura ai foodevents. Il global 270, insomma, è un nuovo universo musicale aereo, che si propone idealmente come spazio dove poter “sorseggiare l’idromele sui triclini della storia antica” e, di fatto, dove poter star bene ascoltando buona musica. La sala, impostata come loft, è divisa in spazi differenti e multiuso. A far da diaframma tende insonorizzante. Il 270 si compone di zona ghost, con limbo e sfondo infinito, per scatti fotografici e riprese video, di zona relax con salottino e di zona the, drink e comodo aperitivo. Si aggiunge un’area kitchen/bar e main stage con 32 m2 di palco scenico per riprese audio ed esibizioni live. “Nel creare gli Interstate studios - spiegano i fantasiosi ideatori, Filippo, Giovanni, Riccardo e Stefano - abbiamo dato alta priorità al concetto di design. Abbiamo voluto dar forma concreta, pur mantenendo tutte le funzionalità di uno studio di registrazione, a uno spazio dove i colori, le sedute, la zona food&photos, e lo stesso ingresso, fossero parte integrante del momento ‘recording’: non più stanze divise da pareti insonorizzante, costringendo gli ambienti a restare circoscritti, ma facendo diventare tutta la struttura, oggetti e arredo inclusi, parte integrante delle note musicali”. Un arioso salotto sonoro, quindi, dove l’ispirazione non può che farla da padrone. “In questa nuova realtà, l’espressione artistica è la portata principale e non si limita solo alle performance musicali: comprende vernissage, letture e recitazioni. Tutte, ovviamente, con la possibilità di essere audio e video registrate; insomma il benessere è il main target”. Non resta che fargli visita; 270 si trova in via Costantini, a Tricesimo (Udine) dietro allo storico mobilificio Walcher.

 

 

 

 

Ultime news

Periodico online registrato presso il Tribunale di Udine il 28 gennaio 2012 n° 1