take a seat

Le immagini sono scansite dal volume:

Maarten Van Severen | Work, Stichting Kunstboek, 2004

MAARTEN

06.03.2012 ways of seating Antonio Ravalli

Lavorare con le cose.

La ricchezza e la semplicità della ricerca sulla cultura materiale.

21 | 02 | 2005-2012

Ricordarlo è un’ occasione per riscoprire una straordinaria maniera di porsi di fronte alla contemporaneità.

Perché è importante ricordare MVS?  Perché vuoi la formazione familiare (genitori, parenti e figli tutti frequentatori anomali del mondo dell’arte), vuoi la congiuntura di trovarsi a Gent agli inizi degli anni ‘90 (Koolhaas, de Geyter,  Margiela, ecc), questi fattori hanno prodotto uno sguardo sul mondo materiale di straordinaria fecondità. Pur ricordato come minimalista, aggettivo sempre rifiutato, Maarten è stato sempre affascinato dalla vitalità delle cose, con una particolare passione per il banale e per tutto quello che quotidianamente attraversa la nostra attività, in maniera totalmente amorale, non inquinata da pregiudizi di tipo estetico o storico. È nella maniera di esplorare il mondo in termini di avida curiosità che Maarten fonda il suo valore, nella sua capacità di metabolizzare le cose che incontrava e di scansirle sul piano del sensibile e della funzionalità, sino a ridurle ad un livello di semplicità assoluta, quasi ingenua.

 

 

Le immagini sono scansite dal volume:

Maarten Van Severen | Work, Stichting Kunstboek, 2004

 

 

I suoi quaderni di lavoro sono colmi di foto (per cui nutriva una vera passione) dove si registrano non tanto le forme, quanto la necessità di fissare nella memoria esperienze sensibili, in grado di condensarsi e ridursi in oggetti di perfetta precisione. Forse più che nel design, però, è nella definizione degli spazi di vita che Van Severen mostra una grande capacità di costruire ricchezza. Un esempio su tutti è la ristrutturazione di una villa di inizio secolo nei pressi di Gent per i gemelli Boxy, famosi cuochi. Il lavoro di rinnovamento si concentra unicamente sulla cucina, da sempre luogo deputato a fulcro dell’attività sociale.  La naturalezza con cui gli interventi si dispongono è impressionante. Il taglio delle nuove bucature potrebbe rappresentare un manuale di soluzioni per il restauro, tanto l’impaginatura è elegante. Ciononostante è solo dall’interno, dalla tavola, che il progetto-dispositivo si spiega. Tutto dialoga con l’esistente: straordinaria la bucatura in vetro azzurrato che dialoga con il camino in maiolica blu del soggiorno, così come il calore che si avverte sulla pelle generato dalla grande cucina-camino in cemento pigmentato, o l’odore di bosco delle foglie che macerano di fronte alla grande finestra scorrevole esterna.

 

 

Le immagini sono scansite dal volume:

Maarten Van Severen | Work, Stichting Kunstboek, 2004

 

 

 

Ultime news

Periodico online registrato presso il Tribunale di Udine il 28 gennaio 2012 n° 1